[Gruppo di Fanis] Sief e Col Di Lana

[foto] Sief Col di Lana
Croce del Sief © Copyright 2018 Salvatore Stringari
Titolo: [Gruppo di Fanis] Sief e Col Di Lana
Data: 9-9-2018
Cima: Cima del Sief Cima Col di Lana
Gruppo Montuoso: Gruppo di Fanis
Cartina: Tabacco Foglio 07 Alta Badia Arabba Marmolada
Segnavia: 23-22 Cai
Tipologia sentiero: Escursionisti Esperti EE
Quota partenza: 2183 m.s.l.m.
Quota da raggiungere: 2424 Sief 2452 Col di Lana
Dislivello: 269 m
Tempo*: in giornata
Difficoltà*: EE per alcuni tratti attrezzati
Giro: Anello
Punti di appoggio: Rifugio Passo Valparola
Acqua, sorgenti: no
Località: Passo Valparola
Copertura cellulare: parziale
Parcheggio/i: si al passo Valparola
Partecipanti: Autori
Autore/i: Salvatore e Paola
Nota: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, di progressione, movimento in ambiente alpino capacità di orientamento.

Premessa: La sera dell’otto settembre lasciamo il passo Giau e arriviamo al Castello di Andraz, l’indomani vorremmo andare al monte Sief e un sentiero parte proprio da qui. Alla fine però decidiamo di raggiungere la nostra meta da un altro punto e il mattino seguente saliamo verso il Passo di Valparola.

L’escursione in dettaglio: dal passo Valparola scendiamo per il sentiero che attraversa la conca sotto al Forte Tre Sassi, su terreno acquitrinoso andiamo a raggiungere il sentiero n 23 scendiamo per un canalino di calcare scavato da un rio che sgorga da sotto le rocce proprio nelle vicinanze, con l’aiuto di un cordino e qualche staffa. Proseguiamo sotto le Pale di Gerda dei Sett Sass fino alla Forcella del Sief. Qui cominciamo a salire per sentiero e a tratti nelle lunghe trincee, ancora ben conservate, che solcano il crinale della montagna come una ferita non rimarginata. In poco tempo arriviamo alla cima m. 2424 s.l.m. il panorama non ve lo stiamo a descrivere ma è fantastico anche solo ammirare la Marmolada.

foto] Sief Col di Lana
Marmolada dal Monte Sief © Copyright 2018 Salvatore Stringari

Dopo una breve pausa alla croce di vetta scendiamo per il sentiero attrezzato, entriamo nel cratere della mina e lo superiamo. La voragine è stata provocata dalla mina austriaca e ha creato una forcella, visibile anche da molto lontano.

[foto] Sief Col di Lana
Cratere di Mina Austriaca © Copyright 2018 Salvatore Stringari
Proseguiamo, seguendo il corrimano di acciaio, visitando alcune postazioni italiane, ben ricostruite, con vista sul fronte della Marmolada e giungiamo al Col di Lana, m. 2465 s.l.m.

[foto] Sief Col di Lana
Col di Lana Bivacco e Croce targa a ricordo del Brillamento della Mina © Copyright 2018 Salvatore Stringari
Qui sostiamo un poco, visitando la Chiesetta e il bivacco. Anche questa cima è stata sconvolta e spazzata via dallo scoppio delle mine ed è inevitabile pensare allo scempio di uomini, animali e paesaggio qui compiuti, per questo il Col di Lana è anche chiamato “Colle del Sangue”, trovandosi al confine tra il fronte italiano e quello austriaco era, col vicino Sief, un’importante luogo strategico da difendere e da conquistare.

[foto] Sief Col di Lana
La trincea con Paola © Copyright 2018 Salvatore Stringari
Nonostante sia passato un secolo si possono ancora trovare residuati bellici. Per il ritorno scendiamo a zig-zag per il ripidissimo sentiero verso nord-est che ci porta ad incrociare il Teriol Ladin per ritornare alla Forcella del Sief e da qui al Passo Valparola. Passando per la conca erbosa solcata da rivoli di acqua sotto il Forte Tre Sassi notiamo a sinistra una roccia con dei fori, ci siamo passiti altre volte e non li avevamo notati. Lasciamo gli zaini sul prato un po’ in disparte e andiamo alla ricerca dell’entrata della postazione. Questa è scavata nelle roccia, ci infiliamo nelle buie gallerie che portano alle stanze dove una volta erano posti i cannoni di piccola taglia. Ripassiamo per l’Edelweiss Stellung sotto il Forte Tre Sassi fotografando simpatiche grasse marmotte e poi raggiungiamo il nostro camper.

[foto] Sief Col di Lana
…marmotte… © Copyright 2018 Salvatore Stringari
Scendiamo nuovamente al Passo Falzarego e poi … giù per la strada statale 48 da qui di nuovo al passo Giau. E ci prepariamo per la ferrata Averau.
By Salvatore e Paola © Copyright 2018

I commenti sono graditi. Lascia il tuo.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.