241 [Monte Rite] Rifugio Talamini Il Bèco de Cuzze

Rifugio talamini
© Copyright 2017 Salvatore Stringari. Segnaletica

Titolo: Bèco de Cuzze
Data: 22/7/2017
Cima: Bèco de Cuzze
Gruppo Montuoso: Pelmo
Sotto gruppo: Monte Rite
Cartina: Tabacco foglio 025
Segnavia: non censito
Quota di partenza: m 1530 s.l.m.
Quota da raggiungere: m. 1724 s.l.m.
Quota raggiunta: m. 1724 s.l.m.
Dislivello: 194 m.
Tipologia sentiero: E. – E.E. (definizione sentieri)
Difficoltà: F – PD (scala delle difficoltà )
Tempo: 3,00 ore cercando le trincee
Giro: A/R
Punti di appoggio: Rifugio Gian Pietro Talamini 1582
Acqua/Sorgenti: si
Località: Vodo di Cadore
Copertura cellulare: limitato
Parcheggio/i: si pochi posti
Partecipanti: Paola & Salvatore
Autore/i: Salvatore
Note: * i tempi di percorrenza e le difficoltà variano in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, abitudine.

Premessa: Linea difensiva del Bèco de Cuzze, sui sentieri della Grande Guerra. Il Rifugio Gian Pietro Talamini si trova a 1582 m. s.l.m. è posto in una sella prativa a pochi passi dalla Forcella del Col Botei, da qui bel panorama sull’Antelao.
Si può raggiungere da Vodo di Cadore in auto, (indicazioni in loco) risparmiandosi i 752 metri di dislivello, per la stretta e ripida strada secondaria asfaltata nei tratti più ripidi, che passa per bellissimi boschi e belle radure con vecchi e nuovi Taulà. E’ raggiungibile anche da Zoppè di Cadore, dal Rifugio Venezia sotto il Pelmo, dalla Val Inferna, in quanto in posizione strategica al centro di numerosi sentieri che mettono in comunicazione la Valle del Boite con la Valle di Zoldo.

L’escursione in dettaglio: dal rifugio, in auto, continuiamo con la strada fino ad un cartello che indica l’inizio della mulattiera che porta alla cima del Bèco de Cuzze a m. 1724 dove sono presenti molte postazioni della Grande Guerra. Arriviamo dopo una salita in un slargo dove troviamo le prime opere a forcella Cucei (e un bivio per l’itinerario “b” che lasciamo per una successiva visita) sono delle riservette in caverna (depositi di munizioni) continuando con la mulattiera che scende leggermente a destra arriviamo a un’altra galleria scavata a U e subito dopo al bivio per il “Cuzze” si tratta di un sentiero scavato parzialmente in roccia su una cengia che sale a zig-zag e ci porta in quota velocemente. Il sentiero è leggermente esposto ma a Paola non dà alcun fastidio, quindi è di facile percorrenza visto anche un cordino in acciaio presente in alcuni punti ritenuti forse i più pericolosi, infatti questo sentiero viene valutato per “esperti escursionisti”. Nulla di difficile o impegnativo secondo me, forse solo in caso di neve o ghiaccio, comunque dedichiamo attenzione nei tratti attrezzati, percorriamo poi la lunga trincea che taglia tutto il versante del monte giungiamo prima ad un “osservatorio” che guarda verso il monte Rite e da cui si vede il rifugio Talamini in basso e poi fino al suo termine. Inizia poi un sentiero che scende fino a quota 1429 ma noi decidiamo che può bastare così ed invece di scendere ritorniamo indietro passando numerose trincee e raggiungiamo il bivio per la cima che raggiungiamo in breve. Da qui scendiamo dapprima seguendo alcuni paletti e poi una larga stradina nel bosco fino alla forcella Cucei da dove lentamente facciamo ritorno alla macchina. Sono circa le 14 e facciamo ritorno al rifugio Talamini dove chiediamo due birre che ci vengono servite tiepide… e un piccolo tagliere di salumi. Sarà che sono vecchio, permaloso, suscettibile sarà che mi lamento e faccio confronti magari pure delicato ma la birra calda non la sopporto! Abbiamo dei rifugi come i ristoranti ma restano rifugi, speriamo nella prossima volta, magari una birra fresca la troviamo e se dovessi recensire questo rifugio su tripadvisor sicuramente voto 5, salviamo almeno la simpatia delle ragazze e il duo di attempati e volenterosi cantanti-suonatori che ci hanno allietati nel triste cin cin.
© Copyright 2017 By Salvatore e Paola

I commenti sono graditi, scrivi il tuo

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.