[Dolomiti Bellunesi] La Casera Campotorondo

bivacco campo-torondo (11).JPG
Casera Bivacco Campotorondo

Titolo: Casera Campotorondo
Data: 26/02/2017
Gruppo Montuoso: Dolomiti Bellunesi
Sotto gruppo: Pizzocco – Brandòl Gosaldo
Cartina: Tabacco 022 Pale di San Martino
Segnavia: C.A.I
Sentiero numero: 802
Quota di partenza: 680
Quota da raggiungere: 1763
Tipologia sentiero: E.E escursione medio facile
Difficoltà: EE per buoni camminatori con sviluppo lungo.
Dislivello: 1083 (fino al bivacco)
Tempo*: in giornata, 6h
Giro: A/R
Punti di appoggio: bivacchi e casere abbandonate
Acqua, sorgenti: si
Località:  Pattine Titéle nel comune di Gosaldo
Copertura cell: non verificata
Parcheggio/i: Si lungo il torrente
Partecipanti: Paola, Salvatore
Autore/i: Salvatore & Paola
Note: * i tempi di percorrenza e le difficoltà variano in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, abitudine.

L’escursione in dettaglio:
in auto ci lasciamo alle spalle Belluno e raggiunto Mas, attraversiamo il ponte sul Cordevole e poco prima di Sospirolo seguendo le indicazioni in loco percorriamo la suggestiva Valle del Mis (raggiungibile per chi viene da Feltre con la provinciale 2) e arrivati poco prima della località Titéle svoltiamo a sinistra sopra un piccolo ponte in legno. Per strada sterrata lungo il torrente della Gosalda proseguiamo fino ad uno slargo dove lasciamo il mezzo. Imbocchiamo il sentiero di buon’ora dal piccolo villaggio di Pattine m 690 s.l.m. qui altre indicazioni, ma per aver male interpretato un cartello segnaletico perdiamo un’ora e mezza nel bosco in cerca del sentiero 802… Solo grazie alla mia testardaggine finalmente troviamo la mulattiera e ci inerpichiamo tra i faggi lungo il vallone di Campotorondo. A 1200 metri troviamo la neve, fa freddo per cui il fondo è ben duro, la pista è ben segnata e saliamo senza problemi, a 1314 m slm passiamo accanto all’ex casera Vallon, possibile spartano riparo in caso di mal tempo, proseguiamo, consapevoli dell’ora di ritardo e cerchiamo di raggiungere il bivacco Campotorondo dove valutiamo le ore di luce a disposizione: non riusciremo a raggiungere Casera Erera-Brendol e i Piani Eterni, abbiamo perso troppo tempo, ci accontentiamo di Casera Campotorondo, m 1768 s.l.m. ristrutturata dalla Forestale e dotata di un bivacco. La salita è lunga e a volte faticosa, ma la fatica viene ripagata dal paesaggio innevato siamo nella Busa del Toro circondati da monti e cime che ci piacerebbe un giorno raggiungere. Il ricovero è freddissimo! Solo nella piccola cucina, con il tepore del fuoco, mangiare un boccone è accettabile. Ci fermiamo un poco per riposarci e poi a malincuore dobbiamo affrontare la lunga discesa, diamo un ultimo sguardo a forcella Pelse era la “porta” per raggiungere i Piani Eterni che era la destinazione del nostro “viaggio”, la neve ora cede e si affonda, facciamo più fatica. Pazienza, torneremo ai Piani Eterni a primavera, salendo dalla Val Canzoi. Ritorniamo a Pattine, uno sguardo a case e casere sparse nei dintorni e a quel che resta di California, un paese che è durato quanto un sogno, distrutto dall’alluvione del 1966 e non più ricostruito.
By Salvatore & Paola

I commenti sono graditi. Lascia il tuo.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.