[Monti del Sole] Monte Sperone

monte sperone (9).JPG

Titolo: Monte Sperone
Data: 8/1/2017
Cima: Monte Sperone
Gruppo Montuoso: Vette Feltrine
Sotto gruppo: Monti del Sole
Cartina: 023 tabacco
Segnavia: nessuno
Sentiero numero: nessuno
Quota di partenza: 813 m s.l.m.
Quota da raggiungere: 1200
Quota raggiunta:1200 m.s.l.m
Tipologia sentiero: Escursionistico (E)
Difficoltà: Facile (F)
Dislivello: 400 m
Tempo*: 1 ora solo andata
Giro: A/R
Punti di appoggio: in paese
Acqua, sorgenti: non rilevate
Località: Sospirolo
Copertura cell.: si
Parcheggio/i: si
Autore/i: Salvatore / Paola
Note: * i tempi di percorrenza e le difficoltà sono in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino.

Premessa: è Gennaio, iniziamo con le escursioni e visto il freddo persistente rimaniamo a quote “basse”. Anche questa una mattina domenicale si presenta fredda ma fortunatamente assolata e la dedichiamo ad una cima facile, il monte Sperone (mai nome fu più azzeccato) questa parete e il dirimpettaio Spìz Vedana sono i due piramidali gendarmi che fanno da custodi all’entrata della bellissima Valle del Mis.

L’escursione in dettaglio:
raggiunto il paese di Sospirolo saliamo in auto per la ripida via Capoluogo, superata la Chiesetta degli Alpini troviamo parcheggio in un ampio spiazzo. Il sentiero è ripido ma non faticoso, si sale nel bosco arrivando in circa 30 minuti ad un bivio, a sinistra il Col del Doff, meta degli amanti del parapendio, noi proseguiamo a destra sul sentiero che ora è pianeggiante fino a sbucare fuori dalla vegetazione su una selletta, risaliamo un dosso erboso facendo attenzione alla “loppa”, l’erba secca e scivolosa, e arriviamo alla successiva cengia, fino a giungere dove ha inizio la cresta che porta alla croce. Qui si apre il panorama sulla Valle del Mis e il suo lago azzurro a picco a sinistra, la Valbelluna con i suoi paesetti e campanili a picco a destra… Qui Paola si ferma, attaccata uso patella dolomitica a un provvidenziale sasso. Le sue vertigini la bloccano. Provo a rassicurarla ma nulla. ” Razionalmente so che il sentiero è fattibile, ma qualcos’altro mi impedisce di andare avanti e se devo soffrire come un cane…mi fermo qui.” Io però non mi voglio fermare e dico a Paola “Vado in cima” voglio arrivare alla croce (il sentiero è leggermente esposto ma non difficile, ci vuole un po’ di attenzione perché i metri a disposizione non sono molti e basterebbe poco per fare 400 metri di volo o in valle del Mis o in val Belluna sopra il bellissimo lago di Vedana, visibile da qui). Proseguo per alcune decine di metri e giungo in cima. Il panorama spazia a 360° sugli impervi Monti del Sole, il superbo Agnèr,, il torrente Cordevole, il monte Serva e la catena dei monti dell’Alpago, la pianura del Piave, le Prealpi Bellunesi. Ritorno da Paola che appunto è rimasta attaccata al sasso (ero un po’ preoccupato e dopo poche veloci foto fatte in cima mi sono dimenticato di firmare il libro di vetta). Per lo stesso sentiero rientriamo a valle. A Sospirolo facciamo una veloce visita alla bellissima Chiesa e all’adiacente Camposanto.

By Salvatore & Paola

I commenti sono graditi, lascia il tuo.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...