153 [Gruppo della Schiara] Rifugio Furio Bianchet

Rifugio Bianchet
© Copyright 2013 Salvatore Stringari. Rifugio Casera Bianchet

(Monte Coro 1985 m slm tentativo)

Titolo: Rifugio Bianchet 1250 m.s.l.m.
Data: 30/06/13
Cima: Tentativo al Monte Coro
Gruppo Montuoso: Schiara
Cartografia: Tabacco 024
Sentiero numero: 503/537
Quota partenza: 449 m.s.l.m
Quota da raggiungere: 1985 m.s.l.m
Quota raggiunta: 1750 m.s.l.m
Dislivello: 1301 m.
Tipologia sentiero: EE
Difficoltà: PD
Tempo di percorrenza: 6/7 ore
Giro: A/r
Punti di appoggio: Rifugio Bianchet
Acqua/Sorgenti: no
Località: Sedico, La Stanga, Belluno
Copertura cellulare: No! Solo dopo il Castellaz dai 1700 m.
Parcheggio/i: si
Partecipanti: Paola e Salvatore
Autore/i: Salvatore
Note: * i tempi di percorrenza e le difficoltà variano in base alla propria preparazione psico-fisica e tecnico pratica, conoscenza del ambiente alpino, abitudine.
Informazioni utili: avvicinamento lungo, ma lungo!

Premessa: Partenza da Belluno verso le 8:30 prima delle nove raggiungiamo il punto di partenza a“la Stanga” nel comune di Sedico sulla statale 203 Agordina, nella stupenda valle del torrente Cordevole.
Parcheggiata l’auto al “bus de la pisa” poco distante parte il sentiero che taglia una parte della lunga strada che conduce al “Rifugio Bianchet”.
Il cartello che qui riporta le ore, dice 2 ore per raggiungere il Rifugio in realtà complice il poco allenamento oppure la lunga e monotona strada noi allunghiamo i tempi.

L’escursione in dettaglio:
Imboccato il sentiero ripido e a scalini raggiungiamo la mulattiera a quota 600 m circa.
Qui troviamo un cartello che indica 2 ore!! Ma come non erano due ore già mezz’ora fa?
Percorriamo quindi la lunga e monotona strada forestale- mulattiera fino a raggiungere “Sass de i companc” 1151 metri. Qui la strada perde quota fino a toccare il letto del torrente della val Vescovà 1106 m. Recuperiamo i 50 m persi con due dolci tornanti e questa volta in breve raggiungiamo il rifugio e la valle si apre con splendidi prati e davanti la Schiara con tutta la sua grande mole. Panorama stupendo che ripaga la fatica e la lunga marcia. Ricordo a chi legge che questa strada è anche un’uscita d’emergenza per l’alta via n 1 per chi non volesse percorrere la ferrata del “marmol” che termina nei pressi del rifugio VII Alpini. Breve pausa per un te e una fetta di buona torta, probabilmente fatta in casa. Un altro cartello indica la cima del “monte coro” 1985 m slm, 2 ore e 30 lo facciamo sperando non siano le 2 ore trovate alla partenza. Prendiamo quindi quota sul sentiero 503 che porta alla “forcella della Gusela” che abbandoniamo poco dopo per percorrere il sentiero CAI 537 che porta appunto alla nostra meta, il “Monte Coro”. Il sentiero sale ripido nel folto bosco di faggi e larici per una buona ora per poi perdere quota nel “boral dei laip”, oltrepassato facilmente il “boral” il sentiero perde leggermente quota fino alla quota 1600 poco prima dei ruderi della “Casera dei Castelaz”. Si passa sopra i resti della casera e ancora una volta si perde leggermente quota. Si passa sopra una modesta frana e il sentiero riprende a salire costeggiando i piedi della costa dei Castelaz. Piedi molto fragili sembrano quasi di argilla lavorata ma è calcare o sedimenti crostacei antico fondo del mare spinto quassù da forze a noi sconosciute. Cerchiamo di superarlo velocemente e raggiungiamo uno splendido balcone con vista sulla Schiara e ci troviamo davanti al “Burel” altra montagna di grandi salite e conquiste da parte di uomini che hanno fatto la storia di quella imponente e bellissima montagna. Qui il sentiero prosegue ancora per un’ora tra saliscendi… e ripide salite decidiamo di piantare una bandiera, qui siamo arrivati è tardi, quindi breve pausa per alcune foto e giù per 500 metri… a ritroso sul sentiero appena salito.Raggiungiamo quindi un’altra volta il Bianchet 1250 per uno spuntino e il rientro a valle. Bella, escursione anche se nella prima parte monotona. Dice Paola: è una gita domenicale dei Bellunesi. la mia risposta a Paola: alla faccia delle escursioni domenicali dei bellunesi allora io in 40 anni di escursioni e avvicinamenti, non ho fatto nulla!! 1340 metri di dislivello non sono “escursioni domenicali!”… sono escursioni da “camorz!”.
© Copyright < 2013 > By Salvatore e Paola

2 commenti

  1. eh eh i Bellunesi…il Serva è la Montagna dei bellunesi, quella per quando hai un’ora o due di tempo, la Schiara e sorelle sono le Montagne dei Bellunesi, le più amate, quelle che necessitano di qualche oretta in più. I Monti del Sole sono per i Bellunesi Intenditori, quelli che non temono i Viàz da camorz e gli assalti delle zecche Adesso non sarà più così ma, ai miei tempi ( sic!) andare alla domenica al Rifugio Bianchet o al VII Alpini era la gitarella festiva. I genitori e i preti ci abituavano a ben altre fatiche. Per contro, il Nevegàl e il Visentin li lasciavamo ai trevisani, anche se a me piacciono molto, e i Monti dell’Alpago era quasi esclusivo territorio degli Alpagoti.

    Piace a 1 persona

I commenti sono graditi, scrivi il tuo

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.