[Schiara Dolomiti Bellunesi] Chiesa di Sant’Andrea

San Andrea
Chiesa di San Andrea

Sant’Andrea è una chiesa del 1400, eretta su ruderi molto più antichi, romani o addirittura pre-romani.
Punto di partenza da: Ponte nelle Alpi – Polpet indicazioni per strada romana.
Parcheggio: nelle vicinanze o in paese, cartelli indicano il punto di partenza.
Per chi transita da Belluno nei pressi di Ponte nelle Alpi o per chi proviene dal Fadalto è impossibile non notare, 400 metri sopra il paese di Polpet, una chiesetta abbarricata sul pendio del monte Frusseda che era anche il nome antico di Ponte nelle Alpi ( Pieve di Frusseda).
Imboccando il sentiero ben indicato si sale  in una specie di giardino botanico con numerosi cartelli posti dai ragazzi delle scuole, che segnano alberi e arbusti. A nostro giudizio iniziativa lodevole e godibile.
Il sentiero si alza gradualmente e con pendenza accentuata ma non difficile.
Dopo pochi minuti ci imbattiamo in una piccola ma accogliente palestra di roccia (e Paola vuole arrampicare ma non avevamo le corde e l’attrezzatura) proseguiamo e raggiungiamo un ripetitore che rovina un po’ il panorama.
Troviamo quindi una variante al percorso originale decidiamo di seguirla:  in breve si rivela una scelta più dolce rispetto al sentiero diretto, che sembra una trincea verticale.
Notiamo sulle rocce affioranti dei segni lasciati dalle scine delle slitte che in passato da qui scendevano, trainate a mano, per trasportare a valle  il legname o il fieno. Raggiungiamo in circa 45 minuti, compreso il tempo per le foto, la chiesetta edificata su un terrazzamento sorretto da muri di sasso costruiti a secco. Da qui si ha una bellissima veduta sulla val Belluna. Si può notare la grande ansa del fiume Piave, che vuole una leggenda una volta scorresse verso il mare passando per il Fadalto, costeggiando la montagna di Santa Augusta (Santuario), sopra Vittorio Veneto. Si narra che una volta il fiume Piave insuperbito minacciò Santa Augusta:

“Gusta, Gusta vein do da quela sosca!

e Augusta rispose:

“Pia, Pia fate in là

se no te tire mi el fià”

la traduzione per chi non sa il veneto…

“Augusta, Augusta vieni giù da quella roccia!
Piave, Piave fatti in là altrimenti ti tiro io il fiato.”

e così è stato che la santa ha fatto crollare parte del monte, creando il passo del Fadalto, e la superba Piave (una tempo il Piave era Femmina) dovette cambiare percorso  facendo una grande ansa a doppia u rovescia  (o una s coricata) si diresse verso Belluno…
Visitiamo l’interno della chiesa, purtroppo vandalizzato da orde di imbecilli e ignoranti, …scusate lo sfogo… ma è dovuto nel vedere che  le firme sulle pareti e i dipinti antichissimi hanno per sempre compromesso anche un possibile restauro, pur non essendo esperti di arte…ci piange il cuore.
Notiamo dei cartelli nei pressi che indicano “Castei e Antiès” decidiamo di proseguire sul sentiero e in pochi minuti raggiungiamo una selletta appunto “i Castei” qui , salendo si potrebbe raggiungere “Antiès” e il Serva, ma ci ritorna in mente  il consiglio di una persona incontrata all’inizio del sentiero, che ci aveva descritto con entusiasmo un percorso alternativo, il sentiero delle “Salere”. Vedendo il cartello che lo indica come sentiero “per ESPERTI”, pur con qualche perplessità decidiamo di percorrerlo per ridiscendere a valle.
Il sentiero si presenta subito  alquanto ripido, scende dal versante opposto a quello di salita ed è in ombra. Si rivela un sentiero bello e  interessante, in breve raggiungiamo il letto del “Rui delle Salere”. Il sentiero lo costeggia saltando il ruscello ora a destra, ora a sinistra, superiamo delle piccole frane da erosione e ammiriamo cascatelle e piccole marmitte, in alcuni anfratti permane ghiaccio e neve indurita. Giungiamo a dei manufatti per l’acquedotto, poi continuiamo a scendere e dopo una ripida scaletta in cemento il sentiero diventa una stradina che ci porta fuori dalla stretta forra. Raggiungiamo alcune case e la ciclabile di Polpet e dopo un chilometro circa ci ritroviamo all’auto.

Tempo di percorrenza, con cane al seguito, soste e foto, circa due ore.
By Salvatore & Paola

I commenti sono graditi, lascia il tuo.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...