[Lagorai Cima D’Asta] Alta Via del Granito

avg
© Copyright 2009 Salvatore Stringari. Alta Via del Granito

Alta Via del Granito
Premessa: Due parole per descrivere questo itinerario di 3 giorni, si cammina su sentieri antichi ed ex strade militari risalenti alla prima guerra mondiale, toccando gli unici due rifugi del gruppo Lagorai Cima d’Asta. Rava, i due punti d’appoggio sono il Caldenave e cima d’asta “O. Brentari”. Questo Sentiero realizzato circa 5 anni fa è un giro ad anello che transita sempre in quota sopra i 2000 metri. Nella stupenda isola granitica del Lagorai.
Il giorno 4 agosto ’09 parto per realizzare questo progetto che dal ottobre 2007 data in cui è apparso sulla rivista del CAI sogno. Anche se da è da qualche tempo che faccio escursioni in questo gruppo oggi voglio realizzare il mio progetto.
L’escursione in breve:
1° giorno: (ore 3) partenza del trekking  a malga Sorgazza fino al rifugio Ottone Brentari con variante di salita (facoltativa) alla cima d’asta
2° giorno: (ore 6) partenza dal rifugio O Brentari per arrivare al Rif. Caldenave  passando per il passo di Soccede (m 2516) scavalcando poi forcella magna valico importante teatro di scontri della grande guerra (bunker, postazioni, trincee, ecc.
3° giorno: (ore 4)  dal rifugio Caldenave per sentiero si sale alla forcella Ravetta m 2219 affacciandosi su Vallon di Rava e arrivando al lago grande di Rava giungere  al Forzellon di rava la cima di rava e poi discesa a malga Sorgazza passando dal lago di Costa Brunella. Ovviamente l’escursione è fattibile anche in senso inverso
L’escursione in dettaglio:
Titolo: L’Alta Via del Granito Lagorai, Cima d’Asta
Gruppo montuoso: Gruppo cima d’Asta Lagorai 1:25000
Cartina: Kompass 626
Numero dei sentieri: 327, 380, 360, 332, 328,
Accesso:dalla Val Malene da Trento percorrendo la strada statale 47 della Valsugana fino all’abitato di Strigno e da qui verso l’altipiano del Tesino fino a Pieve Tesino ad un incrocio si trovano indicazioni per la val Malene. Percorrere tutta la valle fino alla malga Sorgazza. Comodo e ampio parcheggio gratuito.
Punti di appoggio: Caldenave Cima d’Asta O. Brentari o alla malga Sorgazza come negli altri punto d’appoggio, sono in vendita per due euro, anche delle cartine con il giro dettagliato. Punti di informazione e di ricezione: Malga Sorgazza si trova a quota 1450 m. s.l.m. punto di partenza e appunto informazioni. Questa antica malga ristrutturata è anche un ristorante tipico. I gestori Carla e Maurizio pronti ad esaudire la vostra necessità di informazione per quanto riguarda l’alta via del granito e per quanto riguarda lo stomaco ottima cucina con specialità locali. L’alta via del granito è percorribile in due sensi antiorario e orario. Un giro ad anello che transita quasi sempre attorno o sopra i 2000 metri di quota. È  per me la prima volta che percorro un Alta Via… Qui la descrivo in senso orario.
Il primo giorno
Partenza appunto da malga Sorgazza con il sentiero 328 il sentiero, con evidenti tracce di mulattiera, si alza nel bosco sopra la malga Sorgazza con tornanti ripidi fino ai prati dell’ex malga val di lago 1800 m., qui, infatti, si vedono i ruderi della malga nel mezzo di un prato.
Il sentiero sale ancora ora fuori dalla vegetazione fino a raggiungere il lago di Costa Brunella che raggiungo alle ore 12, questo lago si trova a quota 2021 m. s.l.m. ed è un lago ad uso dell’ENEL, infatti, una diga ne impedisce il normale deflusso delle acque.
Proseguendo si raggiunge in circa un’ora forcella Quarazza 2275 m s.l.m. detto anche Forezlin dei Partigiani raggiungo la forcella di Quarazza e sono circa le 13.00 e dopo una breve pausa proseguo verso il Forzellon de Rava sotto Cimon de Rava qui il sentiero 332b perde quota in un vallone che mi porta alla successiva forcella di Ravetta per scendere la val di Ravetta che in breve mi porta a raggiungere il primo punto di appoggio della tappa, il rifugio-malga Caldenave. Questo è il secondo punto di appoggio sulla alta via del granito il rifugio è anche raggiungibile da Tedon per la val Caldenave in circa 2 ore Il rifugio si trova nella piana del Caldenave ed è un’antica malga ristrutturata nel 2003/2004. Costruita su di un promontorio domina parte della val di Caldenave.
Il rifugio aperto dal 20 giugno a 20 settembre è gestito da Enrica e Elio. Qui si trova silenzio, panorami unici oltre e non meno importante alla buona cucina delle esperte mani di Enrica, ottima cuoca, specialmente i dolci, il tutto condito da un’ottima ospitalità.
Trascorsa la notte al rifugio il mattino alle 7.30 dopo aver fatto un’ottima colazione lascio a malincuore questa osai di pace e riprendo il cammino.


Il secondo giorno: a questo punto considerando che i laghi d’inferno li avevo già raggiunti in una precedente visita a questi luoghi apporto al giro classico una modifica: invece di salire ai laghi d’inferno sentiero 360 come dice la descrizione del percorso mi dirigo verso il sentiero che mi è stato suggerito da Enrica e Elio la Val Orsera. Questo sentiero non è segnato sulle carte topografiche ma ottimamente tracciato con i classici segni bianco rosso della SAT / C.A.I. Il sentiero porta alla forcella Orsera e (incrociando il sentiero 373) mi permette di riprendere quota  in poco tempo sono già sopra i 2000 metri ed entro in questa bella, sconosciuta e selvaggia valle. Percorro fino in fondo la valle il sentiero e a questo punto, salgo la parte sinistra delle due pareti che chiudono la valle e per erboso e scosceso costone inframmezzato da un breve tratto attrezzato con cordino più per sicurezza che per altri scopi raggiungo la forcella Orsera e arrivo a delle postazioni di guerra. Su comodo sentiero militare aggiro la cima Orsera fino a portarmi ai piedi di facili pendici e salgo sulla cima. Il gestore Elio del Caldenave mi aveva detto che sulla cima Orsera trovavo i resti di una trincea e postazioni militari ancora abbastanza ben conservate. Riprendo il cammino e mi dirigo verso la forcella di Buse Todesche, passando sotto la cima delle Buse Todesche. Tralascio il 360 che scende in val Vendrame e continuo sul 373 a sx attraversando una lunga cresta fino a forcella magna passando ai piedi del monte Cengello cima dei Lasteati il ricovero tenente Cecchin e il baito Lasteati, fra resti di quella che fu la grande guerra… anche qui si nota la montagna scavata e le trincee e muri costruiti in pietra a secco e giunti fino ai giorni nostri. Scendo al lago di forcella magna qui faccio un’altra pausa. Sono circa le 13 Riprendo il cammino una 15 di minuti dopo e scendo alla forcella dove decido una seconda variante al giro che continuerebbe sul sentiero 380 che scende la valle a sinistra per poi diventare il 380 bis e raggiungere il passo di Soccede 2516 m slm. decido per la ferrata Gabrielli che non è una vera e propria ferrata ma un sentiero attrezzato da affrontare con passo sicuro e assenza di vertigini con una 30 di staffe e cordino che aiutano a superare una parete che ci separa dalla cima Col Verde 2560 m. slm. Per raggiungere la ferrata salgo con indicazioni per cima d’asta e ferrata su sentieri militari (un secondo bivio mi invita a scendere il Bualon di cima d’asta) salgo a sinistra un cartello mi riporta che il proseguimento è consigliato solo per esperti alpinisti con attrezzatura (casco e imbrago) arrivo su di una cresta verdeggiante la percorro e in un attimo arrivo al primo tratto di ferrata con un cordino di sicurezza la supero e arrivo ai piedi di punta Soccede salgo e scendo ancora per vari canali fino ad arrivare alla “ferrata” anche qui io riesco a superarla senza problemi. Raggiungo piano, piano la cima di: Col Verde panorama sul lago di cima d’asta e successivamente calando sul passo di Soccede 2516 m.s.l.m.  terzo punto d’appoggio il rifugio O Bentari 2476 m slm alla cima d’asta che in breve raggiungo scendendo dal passo di Soccede alle 16.00 sono al rifugio il tempo di una meritata birra e un buon panino. Termino qui il giro del alta via del granito. Disdico la stanza che avevo prenotato e scendo al Sorgazza per il Bualon di cima d’Asta tagliando per le placche di granito sul sentiero 327. Arrivo alla Malga Sorgazza in tempo per la cena e la compilazione di un questionario e la consegna dallo stemma del Alta Via del Granito.

Nota, commenti personali: Io ho percorso questo giro in due giorni solo perché la descrizione ufficiale prevedeva come ultimo giorno la salita allo Zimon che sarebbe la cima d’Asta che ho tralasciato perché avevo già fatto. Inoltre la discesa è consigliata  per la via Campagnassa sentiero 386 panoramico ma lungo. Un cordiale ringraziamento va ai gestori della malga Sorgazza ai signori  Carla e Maurizio per la loro accoglienza i primi consigli sul come affrontare questo giro non di meno la loro cordialità. Un altro ringraziamento va ai signori Elio e Enrica per tutta la loro disponibilità, cordialità. Disponibilità che è difficile da trovare in quei rifugi a turismo commerciale… io li chiamo cosi ma questa è un altra storia. Ultimo ma non meno importante ringraziamento per la birra e il mega panino che ho mangiato con gusto al O. Brentari, qui non mi sono fermato a dormire ma c’era troppa gente e una comitiva di 29 ragazzi più altre piccole comitive mi hanno fatto desistere dal fermarmi, mi sarebbe piaciuto ma per esperienza so che queste comitive sebbene portino tanta allegria allegato ce anche qualche piccolo disagio. Che dire per concludere? Percorrete questa Alta Via del Granito perché merita, se poi siete appassionati, o dilettanti come me, oppure professionisti storici qui si legge tanta storia impressa nelle viscere della montagna nelle trincee e nelle postazioni o ricoveri scavati nella roccia.
Nel scrivere questa relazione posso aver fatto degli errori, omissioni, scrivete qui sotto nei commenti.

Lascio un link: Alta Via Del Granito
e una raccomandazione per chi effettua le escursioni: la montagna presenta sempre dei pericoli, oggettivi e soggettivi quindi la relazione esposta può presentare delle imperfezioni, ovviabili rivolgendosi a degli esperti, guide alpine i veri maestri della montagna.
Buona montagna a tutti.
By Salvatore © Copyright 2009

I commenti sono graditi, scrivi il tuo

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.