[Monti di Trento] Il Monte Calisio.

Calisio
© Copyright 2009 Salvatore Stringari. Cima Monte Calisio

Titolo: Monte Calisio 1096 metri s.l.m
Monti di Trento
Data: 10/5/2009

Premessa: Il sentiero in sintesi, Loc. Pinara 390 m., slm loc. Predamala 460 m, bivio 401A, Strada della flora 775 m. slm, 4 strade 821 m. slm, Cima M. Calisio 1096 m. slm ex forte Casara sentiero 430 e 421 Campel villa montagna Tavernaro Moia Martignano percorrendo un tratto della via Claudia Augusta. La Carta topografica usata è la Kompass 647 Trento e dintorni scala 1:25000 I tempi di percorrenza sono 2 ore dalla Pinara fino in cima altre 2 ore circa per il rientro a Martignano.

L’escursione in Dettaglio: facile e panoramica escursione sulla cima del monte Calisio detto anche Argentario dove nel 1800 si estraeva l’argento. Questa volta però parto da Gardolo a piedi  in direzione Melta di Gardolo nei pressi dell’omonimo bar prendo la strada che porta nelle vicinanze del riparo Gaban sito archeologico. Continuo su strada secondaria raggiungo il cimitero di Martignano. Arrivato a Martignano giungo all’inizio della S.P. 131  (2° tronco Maso Bolleri – Montevaccino) Nei pressi di un deposito in lamiera del servizio strade ha inizio il sentiero, si trova ben visibile il cartello di inizio sentiero 401 S.A.T. loc. Pinara 390 m. s.l.m. Salgo fino a quota 460 m. incontrando un bivio. è il sentiero 401-A in Loc. Predamala, chiuso per pericolo di caduta sassi.  Proseguo nel bosco di pioppo, betulla, nocciolo, abete, e continuo sul sentiero 401 con una seria di tornanti a volte un po’ ripidi e con panorama sulla città di Trento. Raggiungo la strada della flora dove proseguo su questa strada in direzione sud fino a raggiungere a quota 821 m. s.l.m nei pressi del ex rifugio Calisio. Proseguo ora in direzione N/O su strada forestale arrivo ad uno spiazzo dove la strada termina e lascia posto al sentiero che sale ripido sullo spallone nord con sempre il panorama sulla città. Arrivo ad un punto panoramico i tornanti si fanno meno stretti e pianeggianti, proseguo fino ad un bivio per il “Forte Casara”, “Stoi” a m 1050 s.l.m. vado a destra continuando sul sentiero 401 che porta alla cima  transitando davanti a delle gallerie scavate per l’estrazione dell’argento. Qui nel 1800 si estraeva appunto il prezioso metallo e utilizzate in tempo di guerra per deposito munizioni e varie. Da qui in breve si raggiunge un salto di roccia di 10/15 metri con cordino di sicurezza, lo supero facilmente e successivamente raggiungo la cima a quota 1096 m slm. (2 ore dalla partenza.) Proseguo ancora per raggiungere la croce di cima passando davanti ai resti di una fortificazione austroungarica realizzata in tempo di guerra per il controllo sulla città e i suoi punti d’accesso essendo il Monte Calisio un ottimo punto panoramico con vista anche su Pergine e la Valsugana. Dalla cima varie sono le vie di ritorno, sia per lo stesso itinerario di salita che altri itinerari. Volendo effettuare un giro ad anello decido di raggiungere il ristorante Campel. 733 m s.l.m. e a pochi metri dalla croce prendo il sentiero. S.A.T. 403 scendo nella Valletta dei Faggi. Proseguo ora sulla strada militare (senza mai lasciarla ) in discesa raggiungo gli “Stoi Alti” (bivio) e successivamente  ai “Stoi del Belvedere” (altro bivio) seguendo ancora indicazioni per il 403 (direzione Campel) e in breve arrivando alla selletta della “Val Mistai” 1025 m slm. (Altro bivio) Proseguendo ora sul sentiero 403-A Campel/Carbonaia sempre sulla strada militare arrivo ad una caratteristica parete liscia con disegnato una bicicletta un sole e dei (gabbiani) o rondini. Proseguo ancora, questa volta in direzione del forte Casara arrivo ad altri due bivi incrocio il sentiero 430 anche per mtb proveniente dal bivio incontrato nella salita al Calisio “Stoi” e proseguo nell’intento di raggiungere il forte Casara ubicato all’omonima selletta 892 m s.l.m. che raggiungo sotto una leggera pioggia. Sono ora sul sentiero 421 S.A.T. e del forte Casara rimane ben poco solo una traccia del muro perimetrale e in disparte un muro in cemento che sembra essere uno sbarramento o una porta d’ingresso. Quindi proseguo sempre sotto una leggera pioggia verso il ristorante Campel su un sentiero/strada in ciottolato 421 SAT incrociando altri bivi di salita al Calisio continuo a scendere e arrivo alla Pineta del Campel ampio spazio prativo e da qui in breve al Campel. ma non è finita  devo raggiungere Villa Montagna. Dalla piazza di Villa Montagna proseguo attraverso il paese vecchio e vado a imboccare la via Claudia Augusta sentiero n° 1 passando per Tavernaro, Moia, Martignano, poi ritorno a Gardolo. Stupenda passeggiata in solitaria con giro ad anello e panorama su tutta la città e i paesi come Montevaccino, Villa Montagna, Civezzano.
© Copyright < 2009 > By Salvatore

Un commento

  1. Ciao Salvatore….Quanta cura nel descrivere il tuo mondo….Quanta bellezza nei tuoi occhi… Il tuo cuore, però, sembra sempre oltre…..Un abbraccio, mio caro….

    Mi piace

I commenti sono graditi, scrivi il tuo

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.