86 [Lagorai] Laghi Val d’Inferno.

Lagorai
Piana di Caldenave © Copyright 2008 By Salvatore

Titolo: Laghi Val D’inferno
Data: 19/10/ 2008
Gruppo: Lagorai
Località Tedon 1400 metri s.l.m.
Caldenave Laghi Val d’Inferno
Val Campelle
Località: Valsugana
Dislivello: 800 metri
Tempo: 8 ore a passo lento.
Partecipanti: io e alcune amiche
Autore: Salvatore (io)

Premessa: è un escursione a “tappe” ad ogni punto di arrivo decidiamo una meta da raggiungere… Bella escursione nel gruppo Lagorai con partenza dalla Località Tedon 1400 metri s.l.m. La località Tedon è raggiungibile da Strigno seguendo le indicazioni per il Rifugio Crucolo da qui si raggiunge la località di partenza della nostra escursione.

Descrizione:
Lasciata la macchina al parcheggio alle 8.30 iniziamo a camminare sulla strada forestale costeggiando il Rivo di Caserine e arrivando a ponte Campivelo 1500 m. s.l.m. qui si innesta il sentiero 332 c.a.i. s.a.t. e giungiamo in un’ora e 20 minuti la piana sotto il rifugio Claudio e Renzo Malga Caldenave a quota 1700 metri, che non raggiungiamo portandoci invece al termine della piana dove si innesta il sentiero 360 S.A.T. che salendo nel bosco di abeti e larici rimonta lo scosceso versante e ci porta ai Laghi Val d’Inferno 1952 m. s.l.m. in questo periodo i laghi non sono pieni d’acqua perché sta iniziando il gelo, ci alziamo ancora per 10/15 minuti e arriviamo ad una radura verde.
Facciamo una pausa e il punto della situazione.
Decidiamo di salire il sentiero arrivando al bivacco Baito Lastei 2025 m.s.l.m. anche qui altro punto della situazione perché alla destra della baita il sentiero continua e decidiamo di arrivare al bivio con il Sentiero Nomadi qui dei cartelli ci indicano altre direzioni da seguire e noi tralasciamo la discesa al Lago Nassere e vista l’ora sono circa le 11.30 arriviamo al Baito dei Scagni 2139 m.s.l.m. visita al baito e altro punto della situazione.
Decidiamo di arrivare alla forcella delle Buse Todesche, di nuovo in marcia! ma questa volta non raggiungiamo la meta prefissata, fermandoci sui prati alla quota di 2200 metri s.l.m. ad ammirare l’infinito e magnifico panorama che spazia su tutte le cime attorno e ci concediamo una pausa di circa 30 minuti.
Altro punto della situazione e decidiamo che per oggi può bastare anche se è una bella giornata ma fa freddissimo, quindi facciamo ritorno verso Baito dei Scagni per prendere il Sentiero Nomadi e concludere il giro e raggiunto il Bivio invece di ritornare al Baito dei Lastei scendiamo alla Busa del Lago detto anche Lago Nassere 2063 m s.l.m. da qui rimontiamo un costone per circa 20 minuti per poi scendere ripidi al ricovero Malga Nassere 1763 m s.l.m. dalla malga arriviamo a un quadrivio e scendiamo diritti verso il Rifugio Carlettini 1368 m s.l.m. che raggiungiamo alle 16.30 circa.

Termina così la nostra meravigliosa escursione come da tradizione con un gran boccale di birra al Rifugio.
Salvatore.
© Copyright 2008 By Salvatore

Un commento

  1. mi piace leggere le descrizioni dei tuoi percorsi
    perchè in ogni tuo scritto traspare davvero l\’amore che tu hai per la montagna
     
    buona domenica
     
    kiss
    Mauri

    Mi piace

I commenti sono graditi, scrivi il tuo

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.